Piano Trasporto Pubblico: da cancellare la linea Milano2-Udine. La protesta dei residenti

L'autobus della linea 925 è molto utilizzato da studenti e lavoratori di Milano 2 per raggiungere la MM Udine

È stato reso noto settimana scorsa il nuovo piano del trasporto pubblico di Milano e Provincia. Un piano, per ora in forma di proposta, elaborato dopo mesi di studi dall’Agenzia del Trasporto Pubblico Locale che mira a integrare e razionalizzare le linee.

Peccato che, di questa razionalizzazione, ne abbia fatto le spese la corsa della 925 tra Milano2 e Piazza Udine, sparita sulle nuove mappe delle linee di superficie.

Il mega-progetto prevede infatti che la 925 colleghi Cascina Gobba con la stazione FS di Segrate passando per il San Raffaele, Milano2, Cassanese, Rovagnasco, Villaggio e centro, perdendo però i collegamenti con Redecesio e con Piazza Udine.

Una “novità” che ovviamente ha subito suscitato accese proteste nei residenti di Milano2 per i quali questo collegamento con Milano è fondamentale e irrinunciabile.

Dato che c’era tempo fino domenica 14 ottobre perché i singoli cittadini potessero presentare le proprie osservazioni, è partito un tam tam via social per coinvolgere più persone possibili nell’invio di mail di protesta. Mail che con ogni probabilità hanno raggiunto come una valanga l’Agenzia del Trasporto Pubblico Locale.

Non solo. Anche l’Amministrazione Comunale ha già presentato diverse osservazioni, comunicando all’Agenzia la necessità di mantenere attivo il prolungamento della linea ATM 925 tra Milano 2 e piazza Udine.

“Vogliamo con tutte le nostre forze che questa linea venga mantenuta – conferma il Sindaco Paolo Micheli – sappiamo quanto sia importante e utilizzata. Faremo di tutto perché ciò avvenga – promette – anche azioni dimostrative a cui parteciperò in prima persona”.

Il trasporto locale sarà all’ordine del giorno anche della Commissione Viabilità e Trasporti in programma per martedì 16 ottobre, nella quale probabilmente verranno informati i consiglieri delle azioni intraprese dal Comune.

“Siamo comunque fiduciosi – conclude il Sindaco – che le nostre osservazioni vengano accolte”.

Il progetto deve essere ancora approvato da una Commissione composta dai comuni  coinvolti e sul piano finale ovviamente peseranno le osservazioni presentate. In ogni caso il nuovo assetto delle linee sarà attivo solo nel 2020.

Per una visione dettagliata del progetto, è possibile scaricare l’intero Programma di Bacino (la parte che riguarda la 925 è a pag. 49)

2 Comments on "Piano Trasporto Pubblico: da cancellare la linea Milano2-Udine. La protesta dei residenti"

  1. Roberto Contro | 15 ottobre 2018 at 17:21 | Rispondi

    Molti studenti e residenti provenienti da Milano2 e da abitazioni del circondario prendono la 925 per recarsi in piazza Udine-Milano, mentre non risulta che entrambe le categorie di utenti siano interessati al collegamento con Segrate e tantomeno con quella stazione ferroviaria. Basti vedere la scarsa frequentazione della linea 923.
    Dunque è davvero incomprensibile la cancellazione del prolungamento della 925 da Milano2 a piazza Udine. Da notare che il raggiungimento della M2 a Cascina Gobba da Milano2 è reso spesso problematico dal traffico dovuto all’ ospedale San Raffaele e allo svincolo stradale della stessa Cascina Gobba. Dunque la suddetta cancellazione va assolutamente annullata.
    Prof. Roberto Contro

  2. Si vede proprio che chi fa questi progetti non ha la minima idea dei gravi disagi che possono causare ai cittadini. Incompetenti!!!

Rispondi