Incidente ferroviario nello scalo merci, maxi simulazione per testare la macchina dei soccorsi

Un momento dell'esercitazione presso la Centrale operativa della Polizia locale in via Modigliani

Un incidente tra una gru gommata e un autocarro/ferrocisterna nel terminal intermodale di Segrate, con ferimento di alcuni operatori ferroviari e sversamento di sostanze chimiche pericolose. Questo lo scenario ipotetico dell’esercitazione di Protezione Civile che si è svolta nella mattinata di martedì 23 ottobre per testare il flusso delle comunicazioni, le procedure operative e la capacità di risposta dei vari attori istituzionali in caso di grave incidente ferroviario: Comune di Segrate, con la sua Polizia Locale e la Protezione civile, Vigili del Fuoco, Polizia ferroviaria, 112-Areu, ATS e Arpa, oltre ovviamente a RFI e Prefettura.

L’esercitazione simulava la prima ora dopo l’ipotetico incidente – dalle 9 alle 10 –verificando se il flusso informativo tra gli enti fosse corretto o necessitasse di modifiche. All’esercitazione è seguito un debriefing in Prefettura, che ha fatto emergere alcune criticità di passaggio delle informazioni. «Per fare un esempio, nella procedura disegnata mancava il coinvolgimento di Milano, che è invece essenziale poiché un eventuale blocco stradale coinvolgerebbe sia i vigili segratesi che quelli milanesi: via Lazio continua in via Cima, che è a Milano, e le vie Abruzzi/Milano confina con la milanese via Rubattino. Un incidente reale di questo tipo comporterebbe anche un imponente blocco del traffico a partire dalla stessa tangenziale», il commento di Santina Bosco, assessore alla Sicurezza del Comune di Segrate.

«La pagella di Segrate è stata senz’altro positiva – continua Bosco – nella prima mezz’ora dall’inizio dell’evento è stata allertata l’Unità di crisi che dato ordini per il blocco di via Lazio e via Abruzzi, avvisato il sindaco e poste in essere le misure del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile pronto per l’approvazione in Consiglio Comunale entro l’anno. È stato anche simulata l’allerta alla cittadinanza, tramite sito web comunale, pagina Facebook e account WhatsApp, da parte dell’Ufficio stampa».

L’ultimo atto della procedura segratese è stata la telefonata in Prefettura, annunciando quali misure fossero state intraprese. «Abbiamo dimostrato che a Segrate la sicurezza è tra le priorità di tutto il Comune – dice l’assessore Bosco – questa esercitazione è stata un ulteriore sessione di allenamento, fondamentale se qualcosa del genere succedesse davvero. Non per niente, quando si è verificato il disastro ferroviario di Pioltello, il 25 gennaio 2018, i nostri operatori hanno dimostrato la loro estrema professionalità e preparazione, unite a un tempismo eccezionale».

Be the first to comment on "Incidente ferroviario nello scalo merci, maxi simulazione per testare la macchina dei soccorsi"