Un giardino per ricordare Antonio Megalizzi, il reporter italiano ucciso a Strasburgo

Il fazzoletto di terra di fronte alla Moschea appena piantumato

L’amministrazione comunale di Segrate ha deciso di ricordare il giovane reporter radiofonico Antonio Megalizzi, morto in seguito all’attentato dell’11 dicembre a Strasburgo, dedicandogli il nuovo giardino che sta nascendo alle porte di Milano 2, in quel fazzoletto di terra al centro di grandi polemiche proprio per la sua destinazione. È infatti in questo prato che sarebbe dovuto sorgere il centro commerciale che l’amministrazione Micheli ha portato qualche centinaio di metri più in là, in fronte alla rotonda dell’Esselunga. Ad annunciare l’intitolazione del giardino è stato lo stesso sindaco durante l’incontro dal titolo “Una nuova Europa” che si è svolto domenica 5 maggio nella sede del Pd.

«Il 18 maggio Segrate dedicherà a Megalizzi il grande spazio verde all’ingresso della città – ha annunciato il sindaco – la famiglia Megalizzi è stata invitata a partecipare e ha accettato. Anche l’Imam della Moschea ha fatto sapere che ci sarà assieme ai parroci di Segrate».

E non saranno i soli. Verso le 11 di mattina sono attese importanti personalità come l’ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia, capolista alle Europee per il Pd nella circoscrizione Nord-Occidentale e la deputata Maria Elena Boschi. Saranno presenti inoltre deputati e senatori lombardi di tutti gli schieramenti. «In onore di Antonio daremo a quello spazio un’impronta europea – ha spiegato Micheli – vi abbiamo piantato di recente degli alberi e ne assegneremo uno ad ogni nazione dell’Unione».


Be the first to comment on "Un giardino per ricordare Antonio Megalizzi, il reporter italiano ucciso a Strasburgo"