Acrobazie in casa, giovani atlete segratesi vincono così la noia da quarantena

Vittoria, una delle ragazze della squadra di acrogym impegnata in una originale spaccata

Spaccate, verticali, ruote: figure comuni e abituali per chi pratica ginnastica, un po’ meno se il “tappeto” di esecuzione non è quello della palestra, ma quello del soggiorno…. l’asse di equilibrio è un parapetto… o il cavallo una scrivania… Ma tant’è, in periodo di quarantena occorre adattarsi e inventarsi – è proprio il caso di dirlo – nuovi equilibri.

Così hanno fatto le giovani atlete di acrogym dell’associazione sportiva Nuovo Incontro di Segrate che, dalle loro case, hanno mandato al Giornale di Segrate foto delle loro evoluzioni tra cuscini, divani e mobili vari, riadattati dalla loro fantasia e dalla loro irrefrenabile voglia di non fermarsi mai.

Questo slideshow richiede JavaScript.

“È bellissimo vederle sempre in movimento – commenta Lilli Forte, presidente dell’associazione – con la carica e il sorriso. Sono una dimostrazione e un insegnamento di quanto i bambini siano in grado di adattarsi alle situazioni più difficili e riuscire comunque a inventarsi il modo di fare ciò che amano”.

Sono una trentina le ragazze, tra gli 8 e i 15 anni, iscritte ai corsi e alla squadra agonistica di acrogym, una ginnastica di tipo acrobatico che combina elementi coreografici con spettacolari evoluzioni di gruppo.

Be the first to comment on "Acrobazie in casa, giovani atlete segratesi vincono così la noia da quarantena"