Coronavirus, in arrivo mascherine lavabili per tutti i segratesi: stanziati 65mila euro

Il sindaco ha consegnato il primo kit di protezione donato a tutti i medici di famiglia di Segrate

La consegna del primo lotto da parte del fornitore dovrebbe avvenire, salvo imprevisti, entro pochi giorni. Con l’obiettivo di mettere in moto da martedì 7 aprile la macchina della protezione civile comunale – coordinata dall’assessore Damiano Dalerba – per la distribuzione. Sono 70.000 le mascherine in arrivo per i segratesi, due per ciascun residente, che l’amministrazione comunale ha ordinato e che conta di poter consegnare gratuitamente ai cittadini entro la prossima settimana o quella successiva al più tardi con una campagna di distribuzione mirata, in piena sicurezza, che procederà a tappe tra i quartieri. A confermarlo è l’ufficio del sindaco Paolo Micheli, che assieme alla giunta ha varato qualche giorno fa una variazione di bilancio da 65.000 euro proprio per reperire i fondi per i dispositivi di protezione destinati ai segratesi.

Si tratta – spiegano da via 1° Maggio – di mascherine lavabili conformi alla Circolare del Ministero della Salute, non destinati ai sanitari o agli operatori impegnati nell’emergenza ma ai cittadini, da indossare quando si esce di casa rispettando comunque le indicazioni relative alla distanza tra le persone. Un presidio fondamentale, che sarà messo a disposizione dei segratesi che finora, nonostante i rifornimenti garantiti dalle farmacie comunali e private del territorio oltre a qualche rivenditore, hanno faticato come tutti a trovarne a sufficienza per le esigenze familiari.

SARANNO CONSEGNATE NELLE CASSETTE POSTALI: “NON APRITE LA PORTA DI CASA A NESSUNO”

La distribuzione delle mascherine avverrà con una modalità studiata in dettaglio dall’amministrazione comunale, anticipata da una campagna di informazione ad hoc, anche per scongiurare possibili tentativi di malintenzionati di cogliere l’occasione per tentare di intrufolarsi nelle case dei segratesi. «Incaricati della consegna consegna saranno soltanto i volontari della protezione civile di Segrate, il cui passaggio sarà anticipato da una comunicazione via altoparlante dalla polizia locale di volta in volta nelle zone dove avviene la distribuzione», spiega l’assessore Damiano Dalerba. Le mascherine saranno poi lasciate nelle caselle della posta di case e condomini. «Nessuno è autorizzato a entrare in casa né ad avere alcun tipo di contatto personale con gli abitanti – precisa Dalerba – chiediamo se possibile nei prossimi giorni di disinfettare la propria cassetta delle lettere e soprattutto di riportare i cognomi di tutti i famigliari presenti nelle abitazioni. Nessuno suonerà alla porta di casa, i volontari potranno citofonare esclusivamente per aver accesso alle cassette della posta qualora siano all’interno dell’edificio e saranno ben riconoscibili oltre che “annunciati” dalla polizia locale». Sempre per un motivo di sicurezza, il Comune non indicherà se non poco prima dei passaggi le varie “tappe” della distribuzione, che avverrà per zone e per la quale ci vorranno diversi giorni di lavoro.

KIT DI PROTEZIONE COMPLETI DONATI AI MEDICI DI FAMIGLIA

Nel frattempo, mercoledì 1 aprile il sindaco Micheli ha dato il via alla consegna dei kit destinati ai medici di famiglia di Segrate acquistati grazie alla donazione di un benefattore segratese che ha chiesto di restare anonimo. Per ciascuno dei “nostri” dottori, 20 mascherine di tipo FFP2 oltre a 5 flaconi di gel igienizzante, cui si aggiungeranno nei prossimi giorni anche camici usa e getta e occhiali protettivi. «Siamo grati a questi nostri straordinari concittadini per il contributo fondamentale che stanno dando alla nostra comunità, prime sentinelle a riconoscere e combattere il virus, in prima linea fin dal primo giorno di questa crisi sanitaria a curare, supportare e anche consolare i malati e i loro familiari», il messaggio del  primo cittadino.

PER PERSONALE COMUNALE E VOLONTARI ALTRE 10.000 MASCHERINE CHIRURGICHE

Oltre all’acquisto massivo delle mascherine lavabili, il Comune ha inoltre disposto l’arrivo di 10.000 mascherine chirurgiche destinate al personale in servizio, alla polizia locale e a tutti i volontari attivi in questa emergenza e altre 1.000 di tipo FFP2 per i medici: stanziati per questa fornitura 8.600 euro.

Be the first to comment on "Coronavirus, in arrivo mascherine lavabili per tutti i segratesi: stanziati 65mila euro"