Consiglio comunale, debutto in piazza. Curiosità e partecipazione dei cittadini

Il Consiglio Comunale di giovedì 8 ottobre in piazza San Francesco. Prima seduta "open air" seguita da numerosi segratesi

Prima seduta… en plein air per il nuovo Consiglio comunale, che si è riunito questo pomeriggio, 8 ottobre, dalle ore 17.00 in Piazza San Francesco, proprio accanto al Centro Verdi. Uno scenario inusuale, che però ha consentito ai cittadini – presenti numerosi e seduti come da norme anti-Covid in modo distanziato – di seguire dal vivo i primi passi di quest’aula caratterizzata da un’età media davvero bassa, un’assemblea under 40.

Presenti tutti gli eletti (vedi foto qui sotto) eccetto Laura Aldini, la candidata sindaco entrata in consiglio nelle file di Forza Italia. A presiedere la prima seduta un’esordiente: la 25enne Greta Coraglia della Lista Micheli: è stata lei la più votata della nuova coalizione di maggioranza (169 preferenze) e questo le consegna lo scranno più alto in questa prima uscita.

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’ordine del giorno di oggi prevede la convalida degli eletti , il giuramento del sindaco, la comunicazione di nomina della giunta, la designazione dei capigruppo, l’elezione del presidente e dei vicepresidenti del Consiglio comunale. In pole position per la presidenza c’è l’ex assessore alla Cultura Gianluca Poldi, rimasto fuori dalla nuova giunta.

Le indiscrezioni sui capigruppo sono uscite alla spicciolata, ma anche qui il quadro sembra pressocché completo. Il Pd che dovrebbe nominare Giuseppe Ferrante, decano dell’aula e dem più votato. Greta Coraglia per la Lista Micheli, Marco Griguolo per Segrate Nostra. Sul fronte del Centrodestra, i candidati sindaco Laura Aldini e Luca Sirtori dovrebbero mettersi alla testa dei gruppi di Forza Italia e Fratelli d’Italia, con la Lega che invece sarebbe pronta a optare per il giovane Marco Carandina. Cambiamo e +SegrateViva sono gruppi… singoli, per così dire.

Il Centrosinistra poi, in una riunione andata in scena martedì sera, ha affrontato anche l’altro tema cruciale, quello legato alle presidenze delle Commissioni consiliari. A fronte di una giunta con una forte connotazione dem, la Lista Micheli avrebbero messo su questo piatto, quello delle Commissioni, la propria affermazione elettorale e il ruolo di soggetto più votato della coalizione. In pratica i giovani qui, secondo quanto ha potuto verificare il Giornale di Segrate, avrebbero calato l’asso pigliatutto: solo due delle sottoassemblee che saranno guidate da esponenti della maggioranza (quella al Bilancio verrà concessa all’opposizione) dovrebbero andare a consiglieri che non fanno parte della Lista del sindaco, quella al Territorio che dovrebbe essere del Pd e quella ai Servizi alla persona che dovrebbe spettare a Segrate Nostra. Viabilità e trasporti, Ambiente e attività produttive, Cultura, sport e istruzione. Questi gli ambiti sui quali il gruppo più giovane dell’aula dovrebbe lavorare con il compito di gestire le rispettive commissioni. Sarà quello il terreno sul quale i “ragazzi terribili” di Micheli porteranno avanti il loro apprendistato, per poi passare all’incasso anche rispetto ai ruoli apicali, quelli degli assessori, in virtù del rimpasto già annunciato dal sindaco in sede di presentazione della nuova squadra.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Be the first to comment on "Consiglio comunale, debutto in piazza. Curiosità e partecipazione dei cittadini"