JAS raddoppia la solidarietà: secondo bilico di aiuti per Odessa

Il mezzo pesante partito da Segrate con 22 tonnellate di generi alimentari per il popolo ucraino

L’azienda segratese di logistica ha donato alimenti e medicinali con la fondazione “Charity Across Borders”

Un carico da 22.500 kg di alimenti e  medicinali destinati alla popolazione ucraina. E’ partita giovedì 14 aprile la seconda spedizione solidale organizzata da JAS, colosso internazionale della logistica con sede a Segrate. «È la prima spedizione ma non sarà l’ultima, perché l’emergenza purtroppo è destinata a durare: entro un mese contiamo di poter far partire un secondo viaggio», aveva detto il presidente Biagio Bruni in occasione della partenza del primo bilico con il materiale donato dall’azienda.

Un impegno mantenuto grazie a una seconda raccolta fondi organizzata da JAS a livello mondiale insieme con “Charity Across Borders”, la fondazione della famiglia Bruni, che a distanza  di poco più di 30 giorni ha portato alla partenza della seconda spedizione. Il camion – come in occasione del primo viaggio – è diretto a Chisinau, in  Moldavia, per poi proseguire il suo percorso verso l’Ucraina con destinazione finale Odessa, dove sarà preso in carico da una onlus locale per la distribuzione ai cittadini ucraini. All’interno ci sono 33 bancali per un totale di 22 tonnellate di generi alimentari – tra cui omogeneizzati, pasta, riso, scatolame di vario tipo – insieme con medicinali e prodotti sanitari di vario genere, compresi pannolini per bambini.

Be the first to comment on "JAS raddoppia la solidarietà: secondo bilico di aiuti per Odessa"