Scuola, aule smart e più tecnologiche con i maxi fondi del PNRR

sabin informaticaIl nuovo laboratorio di informatica realizzato alla secondaria Sabin grazie al Piano Scuola 4.0

Più di 500mila euro ai tre istituti segratesi per rimodernare le dotazioni tecnologiche e realizzare nuove aule multimediali.

Una iniezione di risorse e di strumenti digitali per le scuole segratesi. Tutti e tre gli Istituti – Sabin, Galbusera e Schweitzer –  hanno presentato nei tempi i progetti per aderire al Programma Scuola 4.0 del PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) e si sono aggiudicati importanti finanziamenti da investire nei plessi di primarie e secondarie (destinatarie dei bandi). Scopo del piano nazionale, secondo quanto si legge sul sito ministeriale, è quello di “realizzare ambienti di apprendimento ibridi”, con la “trasformazione delle aule in ambienti innovativi”.  Ogni Istituto ha interpretato questa trasformazione a modo proprio, elaborando progetti diversi, nel segno comunque del superamento della didattica tradizionale.

Alla Schweitzer monitor e armadi di ricarica mobili

«Il nostro Istituto ha sottoscritto un accordo di concessione per un finanziamento di 219mila euro – spiega Alfredo Scaccianoce, dirigente dell’Istituto Schweitzer con il quale abbiamo provveduto a rinnovare le dotazioni tecnologiche in uso nella scuola primaria e secondaria. Tutte le aule saranno dotate di monitor screen touch, che andranno a sostituire le LIM, ormai obsolete sia dal punto di vista tecnologico che didattico. Sono stati poi acquistati monitor per le biblioteche, che saranno completamente rinnovate anche negli arredi. Arriveranno anche kit per la robotica e per la programmazione per tutti i plessi. L’aula informatica della secondaria sarà sostituita da un’aula polifunzionale scientifico-tecnologica – aggiunge – superando la vecchia concezione del gruppo classe che si sposta in aula informatica, abbiamo acquistato armadi di ricarica mobili che possono raggiungere facilmente le aule, in modo che tutti gli alunni possano utilizzare dispositivi elettronici senza dover per forza cambiare aula. Tutto il materiale ordinato dovrebbe arrivare a scuola entro questo anno scolastico».

Alla Sabin laboratori e aule polifunzionali

Trasformazioni delle aule già in atto all’Istituto Sabin dove ci si è concentrati in particolare sul rinnovamento dei plessi delle medie a Milano2 e Redecesio. «Il finanziamento, per un importo totale di 208mila euro, ci ha permesso di realizzare quella che abbiamo definito Didattica per Ambienti Misti di Apprendimento (DAMA)  – spiega in una circolare rivolta a tutti i genitori la dirigente Elisabetta Trisolini – Nei due plessi sono già stati realizzati i laboratori di scienze, di lingue, di informatica, tecnologia, arte e l’aula di musica».

Questo slideshow richiede JavaScript.

Alla Galbusera monitor interattivi e laboratori

Novità in vista anche per l’Istituto Galbusera di San Felice e Novegro. «La scuola ha ricevuto un finanziamento di circa 100mila euro per acquisto di attrezzature didattiche innovative – conferma il dirigente Vittorio Sacchi – Abbiamo acquistato monitor interattivi in modo che tutte le aule della scuola primaria e secondaria ne siano dotate. Inoltre abbiamo ordinato arredi e attrezzature per realizzare 5 nuovi laboratori: tre a San Felice e due a Novegro. Queste aule saranno dotate di librerie, carrelli STEM, armadi di ricarica, tavoli trapezoidali e modulari e attrezzature innovative come tavoli interattivi, ebook reader, tablet, chromebook, poster interattivi, droni, visori per la realtà aumentata e stampanti 3D».

Be the first to comment on "Scuola, aule smart e più tecnologiche con i maxi fondi del PNRR"