Ruba uno smartphone sul treno, arrestato dal maresciallo fuori servizio

Aveva strappato il cellulare di mano a una donna sul treno, tentando la fuga dopo aver azionato l’apertura di emergenza delle porte alla stazione di Segrate. Ma è stato arrestato grazie al pronto intervento di un carabiniere fuori servizio, richiamato dalle grida di aiuto della vittima. Era il maresciallo Paolo Pastore, comandante (in sede vacante) della stazione dell’Arma di Segrate, che sabato 5 giugno, poco dopo le 7 del mattino, si trovava nel parcheggio di via Caravaggio per recarsi in caserma e iniziare la sua giornata di lavoro.

Il militare, da alcuni mesi alla guida dei carabinieri locali dopo il maresciallo Del Deo, non ha esitato a mettersi all’inseguimento del ladro e con l’aiuto dei colleghi chiamati sul posto lo ha catturato dopo una rocambolesca ricerca nell’area verde tra il ponte degli specchietti e il Village. Si tratta di un cittadino marocchino di 33 anni, pluripregiudicato, il cui arresto è stato convalidato disponendo l’obbligo di firma presso la polizia giudiziaria con le accuse di furto con strappo e interruzione di pubblico servizio. Già, perché per lasciare i vagoni del convoglio dove aveva sottratto con violenza lo smartphone alla donna, un’insegnante, l’uomo ha bloccato il treno rimasto poi fermo mezz’ora prima di poter riprendere il tragitto. La sua fuga non è però durata molto: dopo essere stato fermato una prima volta dal carabiniere, infatti, era riuscito a divincolarsi per cercare rifugio nella boscaglia. Un nascondiglio dove però è stato presto individuato e quindi tratto in arresto. Il 33enne si era liberato del cellulare rubato gettandolo lì vicino, ma è stato recuperato e riconsegnato alla donna.

Be the first to comment on "Ruba uno smartphone sul treno, arrestato dal maresciallo fuori servizio"