Portici del centro a rischio cadute, arrivano ringhiere e “nuovi” gradoni

I gradini su Largo Carabinieri d'Italia. Sono state tracciate linee bianche per renderli più visibili

Dopo i numerosi incidenti ai pedoni, saranno fatti interventi per mettere in sicurezza l’area rialzata della piazza centrale

Sono passati otto anni giusti. Agosto 2013: Largo Carabinieri d’Italia cambia volto, chiude alle auto e diventa il centro cittadino di oggi. Già un mese dopo, lo Spi-Cgil scriveva all’allora sindaco Alessandrini per segnalare la pericolosità dei gradoni che portavano ai portici, specie di quel dislivello a strapiombo tra le due scalinate. Decine di… ruzzoloni dopo, (l’ultimo, di un paio di settimane fa, ha costretto gli astanti a chiamare l’ambulanza) soprattutto otto anni dopo, due con Alessandrini in via Primo Maggio e sei con Micheli, si è deciso di… correre ai ripari. Il 19 luglio è previsto un intervento che renderà più visibili i gradini e metterà in sicurezza quell’area centrale: qui verrà sistemata una ringhiera del tutto simile a quella già presente all’altezza degli scivoli laterali, per evitare che qualcuno precipiti al suolo per distrazione o problemi di vista; al livello dei portici, poi, verrà asportata una parte di pavimentazione degli scaloni e sostituita con un materiale poroso che richiamerà il porfido adiacente che al momento si ferma appunto poco prima delle scalinate.

Be the first to comment on "Portici del centro a rischio cadute, arrivano ringhiere e “nuovi” gradoni"