Reati in calo a Segrate. Micheli rilancia: “Più vigili, videocamere e carabinieri h24”

Agenti della Polizia Locale durante un controllo sulle strade segratesi. A breve sarà aumentato l'organico

Prende spunto dai dati, positivi, diramati dalla Prefettura: reati in calo a Segrate. E questo vale per furti (quelli accertati nel 2018 sono 1.330, 150 in meno rispetto all’anno precedente), rapine (12 a fronte delle 14 del 2017) e lesioni dolose (passate da 33 a 24 nell’arco di un anno). Ma Micheli rilancia e annuncia ulteriori interventi sul tema della sicurezza. “Proseguiamo con l’installazione di nuove telecamere di videosorveglianza che monitoreranno tutti i varchi cittadini segnalando in tempo reale eventuali presenze sospette in città – manda a referto il primo cittadino nel comunicato a corredo dei numeri di Palazzo Diotti. A breve assumeremo otto nuovi agenti (ma cinque saranno quelli dislocati a Linate) per rafforzare il pattugliamento stradale della polizia locale e in accordo con l’Arma dei Carabinieri stiamo adeguando la nostra caserma potenziandone il servizio che sarà garantito 24 ore su 24”. Per i nuovi agenti si lavora a una svolta entro febbraio, mentre con l’Arma si è ancora in fase di trattativa, con via Primo Maggio che sarebbe disposta a stanziare a bilancio (per il 2020) i fondi necessari a ristrutturare l’ala della caserma che più necessita di interventi, a fronte dell’impegno della Compagnia di San Donato (alla quale Segrate fa riferimento) rispetto alla copertura h24 del presidio cittadino. Ma ci sono anche altri fronti sui quali l’amministrazione ha lavorato, rivendica il sindaco. “Abbiamo praticamente ultimato il nuovo sistema di illuminazione a led per migliorare la visibilità e quindi la sicurezza delle nostre vie”, si legge nella nota di via Primo Maggio.

I reati sono scesi da 2.117 a 2.026, un trend ormai consolidato visto che nel 2016 erano state certificate 2.195 denunce in città.

“Il tema della sicurezza è sempre al centro del nostro programma di governo”, commenta ancora Micheli che ricorda anche “l’incremento del numero di fototrappole per cogliere sul fatto chi danneggia edifici e strutture pubbliche o chi abbandona incivilmente rifiuti per strada”. Su questo fronte, da Milano arrivano successi benauguranti, come il blitz dei ghisa che hanno rintracciato i responsabili delle discariche abusive in via Pestagalli, zona Bonfadini. L’assessore alla polizia locale, Barbara Bianco, affronta invece il tema più spinoso, quello legato agli unici reati in aumento in città, stando ai dati della Prefettura. “Sono le truffe e le frodi informatiche – dice – per questo sono molto soddisfatta della grande partecipazione ai due incontri organizzati da Spi-Cgil per contrastare questi fenomeni”. Resta, sullo sfondo ma non più di tanto, il solito dibattito: reati in calo o denunce in calo? La questione è sempre la stessa: i numeri da un lato, la lettura degli stessi dall’altro. è così ogni volta che la Prefettura diffonde i dati. “Noi il tema della sicurezza lo affrontiamo in maniera responsabile, con progetti concreti e non con slogan a effetto”, dice il sindaco Micheli.

Be the first to comment on "Reati in calo a Segrate. Micheli rilancia: “Più vigili, videocamere e carabinieri h24”"