“Basta botti”, raccolta firme contro la moda dei petardi (non solo a Capodanno)

Qui sopra, Paolo Basile, promotore della petizione, firma il modulo presso il negozio “Laghetto Rosa” di via Abruzzi

L’iniziativa a Redecesio di alcuni proprietari di cani, la petizione indirizzata al Comune di Segrate

Una raccolta firme per arginare la moda… rumorosa del lancio di petardi che sembra aver conquistato anche i giovanissimi del quartiere. Ma anche per sensibilizzare tutti a preferire i botti dello spumante a quelli pirotecnici per proteggere gli amici a quattro zampe la notte di San Silvestro.

È l’iniziativa di Paolo Basile e Rosa Di Terlizzi, residenti di Redecesio che hanno avviato una petizione da presentare al sindaco a stretto giro, già prima di Capodanno, per chiedere maggiori controlli e una “moral suasion” in vista della notte del 31 dicembre. «Ci sono gruppi di ragazzini che da tempo, già nel pomeriggio, fanno scoppiare raudi e petardi disturbando gli abitanti e spaventando i cani come noto molto sensibili alle esplosioni», spiega Di Terlizzi, titolare del negozio di abbigliamento “Laghetto Rosa” dove è possibile sottoscrivere l’appello al Comune.

I nostri animali terrorizzati dai botti

«L’idea è di Paolo Basile, un “amico di cane” così come ci chiamiamo scherzosamente tra di noi padroni di quattrozampe del quartiere – spiega – lo facciamo per chiedere più attenzione ai ragazzi che si rendono protagonisti anche di piccoli atti di vandalismo in giro per Redecesio, ma soprattutto per proteggere i nostri animali che sono terrorizzati dai botti… quando arriva dicembre se ne rendono conto anche loro, questi fortissimi rumori improvvisi gli provocano paura, tachicardia, non stanno bene. A Capodanno stiamo in casa con le tapparelle abbassate per tutelarli, ci piacerebbe una maggiore sensibilità da parte dei nostri concittadini, giovani e non».

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tante adesioni alla petizione

Al momento sono alcune decine le firme raccolte, ma le adesioni sono costanti. «Molta gente ci sta sostenendo passando qui in negozio, ci sono i padroni dei cani ovviamente ma anche chi non ha animali ma condivide questa iniziativa per il quartiere». Da parte del Comune, così come l’anno scorso non è in vista un’ordinanza anti-botti ma saranno pubblicati messaggi informativi e di sensibilizzazione. Del resto i divieti emanati dai Comuni sono stati più volte ritenuti illegittimi dai tribunali amministrativi, dato che la materia dovrebbe essere regolata a livello più alto. 

I consigli della Lega del Cane per la notte di Capodanno

Come “difendere” gli amici a quattrozampe la notte di Capodanno? Un aiuto arriva dalla Lega del Cane di Segrate, che ha pubblicato un vademecum sul proprio sito con i segnali da tenere d’occhio e alcune precauzioni che i proprietari di animali domestici dovrebbero prendere affinché la notte di San Silvestro, anziché una festa, non diventi un evento angosciante.

Il primo consiglio è di non lasciare i cani da soli e possibilmente non all’aperto. In casa, lasciare le porte aperte e, spiegano gli esperti, “se si nasconde, non cercare di tirarlo fuori, non controllarlo e non costringerlo e stare di fianco a voi”. Meglio inoltre evitare tv e radio ad alto volume provando invece a distrarre gli animali giocando piuttosto che fargli percepire una situazione di ansia o pericolo. 

Be the first to comment on "“Basta botti”, raccolta firme contro la moda dei petardi (non solo a Capodanno)"